Banyoles. Erasmus e angoli nascosti della Catalunya.

20180617_175714.jpg

Lo ricordo ancora quel freddo mattino di novembre. Ero a Barcellona per frequentare l’ultimo anno di Università e svolgere la ricerca sul campo della mia tesi.

Sull’autobus ero tesa per essermi avventurata verso una destinazione sconosciuta e incerta: Banyores, un viaggio di un’ora e mezza per intervistare un neo laureato da inserire nel mio materiale di ricerca.

L’appuntamento era al Museo Archeologico Regionale, ma sceso l’ultimo gradino del bus ho già  l’impressione di trovarmi in un’altra epoca, lontanissima.

Un lago di 6 Km. di perimetro avvolto nella nebbia abbraccia una serie di case galleggianti disabitate o, quantomeno, non abitate da esseri umani.

Penso alla casa degli Haddams, al non aprite quella porta uno, due e tre, alla casetta dei 7 nani mannari. Il paesino di 18327 anime sembra disabitato facendo pendant con le case stregate del lago.

Ma la nebbia può nascondere cose meravigliose da mostrare ad occhi che sanno aspettare.

Se siete in Catalunya e amate le emozioni forti, non perdetevi questo angolo nascosto a 18 km. da Girona.

 

2 commenti

Rispondi